Più salute e meno spese se il paziente è attivo

Secondo quanto riportato nel rapporto 2019 dell’osservatorio Nazionale sulla salute nelle regioni italiane, nel nostro paese si spendono ogni anno per la cronicità circa 66,7 miliardi di euro. Sulla base degli scenari demografici futuri sono stati elaborate dall’Istat delle proiezioni che ipotizzano che nei prossimi anni assisteremo ad un aumento costante delle spese che sfonderà la quota dei 70 miliardi di euro entro il 2028. 

Ma la cronicità non è un problema esclusivamente italiano. A livello europeo per le malattie croniche si spendono ben 700 miliardi di euro l’anno, assorbendo da sole gran parte delle risorse destinate alla sanità. 

Una soluzione in realtà esiste, ed è la riorganizzazione dell’assistenza sanitaria tramite lo sviluppo di una cultura diversa orientata alla presa in carico proattiva delle persone affette dalla cronicità, anche e soprattutto attraverso i servizi di prossimità e l’educazione terapeutica del Paziente. Se si interverrà lungo queste direttive per sviluppare il livello della qualità assistenziale, si riuscirà a razionalizzare la spesa sanitaria. 

Come sarà il Paziente del domani

Non è una novità che il ruolo del Paziente nel sistema sanitario stia profondamente cambiando. Se fino a qualche anno fa era carico di una connotazione passiva che lo vedeva come destinatario delle prestazioni sanitarie, oggi stiamo iniziando ad abituarci all’idea di un Paziente sempre più partecipe nel percorso di cura, sempre più coinvolto nelle interazioni con i medici fino ad arrivare alla possibilità di prendere parte alla definizione del processo di cura. 

I benefici di questo approccio sono sotto gli occhi di tutti: si riducono i costi sociali, per esempio si perdono meno giornate di lavoro, e si riducono le spese sanitarie. 

Da un lato infatti un Paziente più sano necessita di meno cure e meno ricoveri, facendo risparmiare il sistema sanitario nazionale, mentre dall’altro dovrà ricorrere in misura minore alle finanze personali. 

Questo tipo di coinvolgimento nelle cure viene definito come “Engagement”, ed è recentemente stato oggetto di un importante studio presentato all’Università Cattolica (Engagement Monitor). Uno degli aspetti più interessanti che ricercatori hanno rilevato è che la percentuale dei Pazienti insoddisfatti della qualità della propria vita cambia radicalmente a seconda dei livelli di coinvolgimento. Quasi il 90% dei Pazienti con bassi livelli di Engagement  riferiscono di avere una qualità di vita molto bassa. Se invece ci si rivolge a coloro che riportano alti livelli di Engagement, l’80% dichiara una buona qualità di vita. 

Inoltre i Pazienti con alti livelli di Engagement statisticamente sono stati ricoverati di meno.

Infine, il 76% di coloro che riportano bassi livelli di coinvolgimento spende più di 50 euro a trimestre per farmaci da banco; al contrario la percentuale si riduce al 45% nei Pazienti ingaggiati, dimostrando che il coinvolgimento attivo conviene anche per le finanze personali.

Questi dati servono a ribadire l’importanza clinica nel sostenere i Pazienti nella gestione della cronicità, e non solo per un loro beneficio.  

Domedica®

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Articoli correlati

I nostri servizi

Più di 10 anni di esperienza nel disegno e nella gestione di Programmi di Supporto ai Pazienti e Progetti a Supporto di Medici, Centri Clinici e altri Stakeholder della Sanità.

I nostri Programmi migliorano la qualità e l’efficacia delle cure e incrementano l’adozione e l’aderenza di lungo termine alle Terapie.

Gestiamo Home Clinical Trials, Studi Osservazionali e Progetti di Real World Evidence, Studi sul Comportamento e Analisi di Outcome, in Italia e a livello Internazionale.

I nostri progetti abilitano la raccolta e supportano la diffusione di evidenze sull’efficacia delle Terapie e di nuovi Approcci Terapeutici.

Disegniamo e gestiamo progetti di Online Marketing, e-detailing e Informazione Scientifica, su tutti i canali rilevanti.

Aiutiamo i nostri clienti a costruire e sviluppare relazioni di valore con i principali Stakeholder, sostenendo le loro strategie commerciali e promozionali.