Intervista a Maurizio Pèrcopo, CEO di Domedica, in occasione del 15° anniversario della nascita dell’Azienda

Domedica compie 15 anni, un tempo importante per l’Integrated Health Care che in Italia è nata proprio nei primi anni del millennio. Ci racconta l’inizio della vostra attività?

Domedica è nata da un’idea imprenditoriale lungimirante per i tempi e quanto mai attuale ai nostri giorni: massimizzare l’efficacia delle cure supportando 

  • i pazienti affinché acquisiscano una maggiore consapevolezza dell’importanza delle terapie e delle cure 
  • gli ospedali e i medici con servizi che rendono più semplice e soprattutto continuativa l’assistenza e il monitoraggio dei pazienti a domicilio.

Su questa idea è nata Domedica nel 2005 e i “Patient Support Programmes” (PSP) – o, come ci piace anche definirli “Support Programmes” perché il nostro supporto è destinato non solo al paziente ma a tutti coloro che sono coinvolti nel suo percorso di cura.

I nostri Programmi sono nati assimilabili ai “Patient Assistance Programmes” statunitensi ma con il focus peculiare sull’educazione, l’ascolto e l’assistenza del paziente e dei suoi caregiver.

Siamo partiti con 2 programmi in neurologia ed ematologia e fin da subito abbiamo iniziato importanti sviluppi interni quali:

  • la creazione di un team dedicato al “Service Development”, per l’ideazione e la progettazione di nuovi servizi innovativi
  • l’industrializzazione del modello operativo
  • l’investimento in attività di Concept and Business Development.

Nel proporre i nostri servizi ci siamo focalizzati sulle aziende farmaceutiche selezionate tra quelle più innovative e interessate a sostenere progettualità a beneficio di pazienti, ospedali e medici.

I primi anni sono stati molto impegnativi, perché i nostri progetti erano percepiti sì di grande valore e innovativi, ma spesso impossibili da realizzare.

Ci siamo perciò armati di perseveranza e con dedizione, tenacia, caparbietà e soprattutto incontrando aziende che hanno individuato nei nostri servizi la risposta ai bisogni più importanti che anche loro raccoglievano dal campo, siamo riusciti a realizzare quei primi progetti che chiamiamo “impossible firsts”: infusioni extra-ospedaliere di farmaci biologici, studi clinici a domicilio, supporto remoto di pazienti complessi, come quelli oncologici o affetti da malattie rare, sono solo alcuni esempi di quanto siamo riusciti a realizzare.

Dopo 15 anni ci riteniamo soddisfatti dei risultati ottenuti:

  • continuiamo a lavorare con le più grandi aziende farmaceutiche italiane e multinazionali presenti in Italia
  • abbiamo disegnato ed erogato circa di 200 PSP, sia in Italia che all’estero, ed erogato un numero quasi doppio di studi clinici a domicilio
  • il nostro brand è ben conosciuto a tutti: lo testimonia, tra l’altro, il fatto che negli ultimi mesi siamo stati coinvolti in decine di proposte di servizi anche a supporto dell’emergenza Covid-19.

Siamo consapevoli che c’è ancora tanta strada da fare, ma l’esperienza maturata in questi anni e il periodo di emergenza sanitaria degli ultimi mesi ci ha confermato che la direzione intrapresa della de-ospedalizzazione delle cure e la gestione da remoto dei pazienti anche con il supporto di modalità digitali è quella giusta!

Possiamo dire quindi che siete dei veri e propri pionieri in Italia. Ci spiega meglio in che modo i vostri Programmi di Supporto ai Pazienti portano benefici anche al SSN e come è possibile che tutto questo non abbia alcun costo per i Pazienti?

La risposta è semplice: ci focalizziamo sul progettare servizi che creino sinergie tra gli attori coinvolti nella cura e gestione della salute, come intesa dall’OMS, in modo da portare benefici a:

  • pazienti e caregiver, che sono supportati nell’aderenza terapeutica e al piano di cura prescritto, trovano rapidamente risposte a dubbi e domande, ricevono l’assistenza utile alla gestione della loro condizione, si recano in ospedale solo se veramente necessario (con i benefici in termini economici e di tempo facilmente immaginabili)
  • medici, che pur mantenendo la governance clinica dei propri pazienti hanno la tranquillità che questi ultimi sono seguiti a domicilio da un Programma con finalità chiare e di valore e che vengono coinvolti solo per questioni cliniche e attinenti al loro ruolo
  • SSN, perché l’aderenza terapeutica dei pazienti genera un migliore stato di salute di questi ultimi e riduce il ricorso a spese aggiuntive per la gestione di acuzie o peggioramenti dello stato di salute
  • aziende farmaceutiche, che ottengono un ritorno ulteriore dei loro investimenti in R&S attraverso l’utilizzo corretto dei loro farmaci e un supporto alla strategia beyond the pill che li rende parte attiva nell’offerta di servizi al SSN.

I PSP contribuiscono ad aumentare l’efficienza dell’intero sistema salute generando un saldo positivo per tutti gli stakeholder coinvolti: queste evidenze sono misurabili con analisi di budget impact o con studi di Health Technology Assessment.

Domedica è PSP e Clinical Trials, ma non solo: da quasi un decennio è attiva un’altra Business Unit, Relationships, Delivered®, attraverso la quale Domedica offre Programmi di Educazione e Informazione Scientifica ai Medici focalizzata sia sui farmaci che sui presidi e device medici destinati sia alla Human che all’Animal Health. In quest’ultima area siamo stati pionieri: i primi a fornire informazione scientifica nutrizionale ai veterinari attraverso i canali digital e da remoto.

I servizi che offrite si sono evoluti nel tempo? Se si può dirci qualcosa di questa parabola?

Direi che più che una parabola l’evoluzione dei nostri servizi può essere descritta come una spirale che si espande, mantenendo però la traiettoria originale.

Siamo partiti offrendo servizi che prevedevano la presenza fisica dei nostri professionisti a domicilio dei pazienti: infermieri specializzati nella formazione all’autosomministrazione e nella somministrazione diretta di farmaci, così come medici specialistici e fisioterapisti. Abbiamo poi ampliato la tipologia di professionalità e partner coinvolti, ad esempio con psicologi, mental coach, mediatori familiari, laboratori di analisi, farmacie, corrieri specializzati, trasporto di pazienti.

In parallelo, abbiamo investito molto in tecnologia, lanciato il nuovo approccio proprietario Tech n’ Care®, per far sì che l’accesso ai nostri Programmi fosse sempre più semplice e al passo con i tempi permettendo anche interazioni da remoto e tramite interfacce digitali che consentono al paziente e al medico di accedere al Programma e al proprio Patient Journey in qualsiasi momento, con un elevatissimo livello di personalizzazione.

La parola d’ordine è ed è sempre stata “personalizzazione”: sviluppiamo, disegniamo e organizziamo i nostri servizi in maniera flessibile e modulabile, in modo che il singolo paziente e medico possa scegliere la modalità a lui più comoda e più consona per usufruire del Programma.

Un altro aspetto importante che mi piace sottolineare è l’investimento in formazione per tutti i nostri colleghi e partner: lavoriamo per far sì che i professionisti Domedica siano distintivi e davvero in grado di offrire servizi eccellenti, attraverso la formazione e il perfezionamento continuo di quanto facciamo. Ed effettivamente il livello di gradimento registrato da parte di pazienti e medici che usufruiscono dei nostri Programmi è davvero altissimo!

Dove sta traghettando l’azienda e cosa si aspetta dalla Sanità del futuro? 

Penso che la forza di Domedica sia paragonabile a quella di una barca a vela che si fa condurre dal vento pur avendo in mente una direzione chiara: innovazione e centralità di pazienti e medici!

Sono orgoglioso della grande capacità che tutti coloro che lavorano in Domedica dimostrano di saper guardare a nuovi scenari, pensare a nuove idee e trasformarle in progettualità, assecondare i bisogni emergenti e soprattutto affrontare con entusiasmo nuove sfide.

Sono felice di poter contare su una squadra che ha sempre abbracciato il lavoro con entusiasmo, comprendendo a fondo i bisogni dei pazienti e dei medici. 

Un team che non si ferma e continua a voler e volersi migliorare: tanti di loro hanno o stanno conseguendo master di specializzazione, altre lauree o altri titoli accademici.

Per i pazienti e i centri clinici organizziamo visite con poche ore di preavviso, attraversiamo l’Italia pur di dare risposta a richieste urgenti, lavoriamo senza sosta e limiti di orario per rispettare scadenze a volte estremamente sfidanti: e questi sono obiettivi che si raggiungono solo con un forte credo in quello che si fa e quale espressione di un forte senso di appartenenza all’azienda. 

Vedo i nostri professionisti vivere le gioie di obiettivi raggiunti dai Centri che riescono a gestire meglio i loro pazienti, dai pazienti e familiari che non trovano parole per ringraziare del supporto che ricevono, ma anche la tristezza e a volte i pianti quando purtroppo il percorso di qualche paziente “finisce” perché non c’è più… sono momenti vissuti con grande empatia e coinvolgimento… e purtroppo in 15 anni e con l’elevato numero di pazienti gestiti è successo… e non una sola volta…

Tutto questo è per me l’espressione di un’azienda sana e viva, dove quello che si fa è vissuto con passione e coinvolgimento e credo che sia percepito dalla maggior parte come un best place to work!

Negli ultimi anni l’azienda è molto cresciuta, siamo più di 40 persone in sede e più di 100 professionsiti sul territorio e è stato quindi necessario trovare uffici più ampi: da agosto siamo in un nuovo ufficio molto più ampio, spazioso, comodo e più accessibile per tutti e questa è un’ulteriore dimostrazione dello sviluppo di una realtà che in 15 anni ha fatto passi da gigante!

Credo che Domedica abbia il potenziale per diventare un importante player nella Sanità del futuro in quanto portatrice di innovazione e capace di creare modalità nuove nel modo di fare e generare salute: noi ci siamo e vogliamo sempre più essere attori protagonisti di questo cambiamento!

Ci vedremo presto per celebrare il traguardo dei 20 anni!! e sono certo che nei prossimi 5 anni cambieranno tante cose e avremo molte storie da raccontare.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Articoli correlati

I nostri servizi

Più di 10 anni di esperienza nel disegno e nella gestione di Programmi di Supporto ai Pazienti e Progetti a Supporto di Medici, Centri Clinici e altri Stakeholder della Sanità.

I nostri Programmi migliorano la qualità e l’efficacia delle cure e incrementano l’adozione e l’aderenza di lungo termine alle Terapie.

Gestiamo Home Clinical Trials, Studi Osservazionali e Progetti di Real World Evidence, Studi sul Comportamento e Analisi di Outcome, in Italia e a livello Internazionale.

I nostri progetti abilitano la raccolta e supportano la diffusione di evidenze sull’efficacia delle Terapie e di nuovi Approcci Terapeutici.

Disegniamo e gestiamo progetti di Online Marketing, e-detailing e Informazione Scientifica, su tutti i canali rilevanti.

Aiutiamo i nostri clienti a costruire e sviluppare relazioni di valore con i principali Stakeholder, sostenendo le loro strategie commerciali e promozionali.