Il 40% degli over 65 non rispetta l’aderenza terapeutica

Un’indagine condotta da Senior Italia Federanziani su un campione di 1.230 Pazienti anziani ha stabilito che almeno quattro di loro su dieci non assumono regolarmente i farmaci prescritti dal medico. Sono soprattutto Pazienti con ipertensione (55,3%), con patologie croniche dell’apparato osteo-articolare (29,1% artrosi e 28,5% mal di schiena) e del metabolismo (diabete 21,8% del campione, dislipidemia-ipercolesterolemia per il 18,2%). 

Sono numeri su cui è impensabile non intervenire: la terapia, infatti, perde di efficacia se non viene effettuata con precisione, e più la patologia è grave, maggiori sono i rischi per il Paziente.

L’importanza del supporto

Per chi è affetto da una malattia cronica, anche attenersi alle indicazioni più semplici può essere difficile. Si pensi per esempio ai malati di Alzheimer o a chi soffre di demenza senile: senza l’aiuto di un caregiver, ricordarsi di assumere i farmaci è impossibile. 

Secondo l’indagine il 43,7% non assume regolarmente i farmaci per “dimenticanza, scarsa conoscenza dei benefici collegati alla terapia e dei rischi conseguenti la sua interruzione, oltre che per mancanza di un aiuto pratico”. 

Infatti nell’86,8% dei casi il Paziente cronico over 65 non ha nessuno che lo aiuti nell’assunzione dei farmaci, ma un Paziente su due ritiene che sarebbe utile poter contare su una persona o uno strumento tecnologico che lo aiuti nel miglioramento dell’aderenza terapeutica.

 

Ciò che complica ancora di più il rispetto del piano terapeutico è l’assunzione di più farmaci: il 91% assume almeno una terapia, e se il 39,5% se la cava con uno o due farmaci al giorno, il 38,5% del campione ne assume tra tre e cinque, il 9,6% tra sei e sette e il 3,3% arriva anche a più di sette.

Al 39,5% degli intervistati capita frequentemente di dimenticare di assumere il farmaco prescritto dal medico, al 26,7% capita raramente e solo il 33,8% del campione riesce a non dimenticare mai i farmaci.



Comunicare con il medico

Purtroppo la comunicazione con il medico non è sempre efficiente. Nel 13,2% dei casi, secondo i Pazienti intervistati, il clinico non spiega in modo adeguato l’importanza dell’assunzione del farmaco, mentre per il 17,7% lo fa solo di tanto in tanto. Nella stragrande maggioranza dei casi il Paziente over 65 si rapporta con l’assunzione dei farmaci senza alcun tipo di aiuto, mentre solo il 13% viene assistito da un familiare e lo 0,2% da una badante.

È per questo che il medico dovrebbe instaurare un dialogo con il Paziente, ascoltare i suoi bisogni, capire i suoi limiti, informarlo sulla patologia e sulla terapia e infine studiare una terapia personalizzata in base alla situazione specifica. 

Ad affiancare il medico in questo ruolo esistono realtà specifiche come Domedica, dove il dialogo e la fiducia sono i due strumenti principali su cui si basano i suoi Patient Support Program, che offrono una vasta serie di servizi volti a migliorare l’aderenza terapeutica dei Pazienti.

Non è un caso che l’11,2% degli intervistati giudica utile anche una migliore comunicazione medico Paziente, con una spiegazione più precisa dei benefici della cura, percentuale che sale al 18% quando si parla dell’utilità di conoscere i rischi legati all’interruzione della terapia

© Domedica s.r.l. 

 

.



Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Articoli correlati

I nostri servizi

Più di 10 anni di esperienza nel disegno e nella gestione di Programmi di Supporto ai Pazienti e Progetti a Supporto di Medici, Centri Clinici e altri Stakeholder della Sanità.

I nostri Programmi migliorano la qualità e l’efficacia delle cure e incrementano l’adozione e l’aderenza di lungo termine alle Terapie.

Gestiamo Home Clinical Trials, Studi Osservazionali e Progetti di Real World Evidence, Studi sul Comportamento e Analisi di Outcome, in Italia e a livello Internazionale.

I nostri progetti abilitano la raccolta e supportano la diffusione di evidenze sull’efficacia delle Terapie e di nuovi Approcci Terapeutici.