Educazione terapeutica del Paziente e malattie croniche

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’educazione terapeutica come:” …aiutare il Paziente e la sua famiglia a comprendere la malattia ed il trattamento, a collaborare alle cure, a farsi carico del proprio stato di salute ed a conservare e migliorare la propria qualità di vita”.

Un approccio indubbiamente funzionale ma che necessita di diversi accorgimenti per poter ottenere i risultati prefissati. In questo processo il curante deve essere in possesso di specifiche competenze pedagogiche acquisite da una formazione interdisciplinare apposita, senza dimenticare il ruolo del Caregiver.

Una strategia efficace per le malattie croniche

Gran parte delle malattie che oggi colpiscono le popolazioni occidentali spesso sono curabili dal punto di vista medico, ma non sono ancora guaribili. Sono le malattie croniche, e rappresentano l’emergenza del 3° millennio. Queste patologie assorbono oltre il 70% dei costi sanitari diretti ma non solo: provocano altrettanti costi indiretti. Queste spese sono destinate ad aumentare a causa dell’invecchiamento generale della popolazione.

L’educazione terapeutica del Paziente affetto da una malattia cronica diventa sempre di più un elemento indispensabile per rendere il Paziente protagonista attivo e consapevole del piano terapeutico e motivato ad osservare uno stile di vita il più salutare possibile per ogni fase della malattia.

A partire dagli anni ’70 un giovane endocrinologo svizzero, Jean-Philippe Assal, si accorse che oltre oltre il 50% di Pazienti affetti da malattie croniche non metteva in pratica il piano terapeutico prescritto. Capì che affrontare queste patologie al pari delle affezioni acute fosse una strategia fallimentare. Iniziò così ad interrogarsi su come risolvere tale problematica. L’intuizione di Assal consisteva nell’aver capito che queste patologie possiedono caratteristiche peculiari che vanno sempre tenute in debita considerazione per non far fallire la terapia. La diagnosi di malattia cronica infatti non provoca solo una rottura temporanea della vita del Paziente, ma determina uno shock emotivo legato al dover convivere per il resto della propria vita con la malattia. Diversamente da una persona affetta da patologia acuta, il Paziente cronico prova una sensazione di ineluttabilità  e deve accettare di doversi curare per il resto della propria vita. I cambiamenti non riguardo solo il Paziente, ma anche chi gli sta intorno, come un Caregiver o i familiari. Così gli interventi di educazione terapeutica del Paziente hanno la peculiarità di essere flessibili e di poter essere attuati con differenti modalità operative e con differenti approcci.

Il ruolo del Caregiver

Proprio in virtù della flessibilità dell’educazione terapeutica del Paziente è impossibile fornire una definizione univoca dell’efficacia degli interventi sul Paziente, ma uno dei pochi punti fermi è l’importanza del Caregiver. Molto spesso il ruolo del Caregiver è svolto da un familiare e nelle situazioni più gravi l’attività assistenziale è equivalente ad una giornata di lavoro, rendendo questo ruolo incompatibile con un’attività lavorativa. Diventa quindi fondamentale che possa svolgere il suo ruolo nella maniera più efficace possibile e l’educazione terapeutica presenta diversi vantaggi:

  • consente di partecipare attivamente al percorso di cura del proprio congiunto
  • di riuscire a vivere un rapporto più armonioso con i curanti
  • di riconoscere al meglio i bisogni del Paziente.

Una strada che merita di continuare ad essere esplorata.

© Domedica s.r.l. 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Articoli correlati

I nostri servizi

Più di 10 anni di esperienza nel disegno e nella gestione di Programmi di Supporto ai Pazienti e Progetti a Supporto di Medici, Centri Clinici e altri Stakeholder della Sanità.

I nostri Programmi migliorano la qualità e l’efficacia delle cure e incrementano l’adozione e l’aderenza di lungo termine alle Terapie.

Gestiamo Home Clinical Trials, Studi Osservazionali e Progetti di Real World Evidence, Studi sul Comportamento e Analisi di Outcome, in Italia e a livello Internazionale.

I nostri progetti abilitano la raccolta e supportano la diffusione di evidenze sull’efficacia delle Terapie e di nuovi Approcci Terapeutici.

Disegniamo e gestiamo progetti di Online Marketing, e-detailing e Informazione Scientifica, su tutti i canali rilevanti.

Aiutiamo i nostri clienti a costruire e sviluppare relazioni di valore con i principali Stakeholder, sostenendo le loro strategie commerciali e promozionali.